Site Overlay

Dirottamento dell’amigdala: quando l’emozione prende il sopravvento

Diverse funzioni sono svolte da diverse parti del tuo cervello. Per capire il dirottamento dell’amigdala, è necessario conoscere due di queste parti.

Amigdala

L’amigdala è un insieme di cellule vicino alla base del cervello. Ce ne sono due, una in ogni emisfero o lato del cervello. È qui che le emozioni ricevono un significato, sono ricordate e attaccate ad associazioni e risposte ad esse (ricordi emotivi).

L’amigdala è considerata parte del sistema limbico del cervello. È la chiave per elaborare le emozioni forti come la paura e il piacere.

Lotta o fuga

I primi esseri umani erano esposti alla costante minaccia di essere uccisi o feriti da animali selvatici o da altre tribù. Per migliorare le possibilità di sopravvivenza, si è evoluta la risposta di lotta o fuga. È una risposta automatica al pericolo fisico che permette di reagire rapidamente senza pensare.

Quando ci si sente minacciati e spaventati, l’amigdala attiva automaticamente la risposta fight-or-flight inviando segnali per rilasciare ormoni dello stress che preparano il corpo a combattere o scappare.

Questa risposta è innescata da emozioni come la paura, l’ansia, l’aggressività e la rabbia.

Lobo frontale

I lobi frontali sono le due grandi aree nella parte anteriore del tuo cervello. Fanno parte della corteccia cerebrale, che è un sistema cerebrale più nuovo, razionale e avanzato. È qui che avvengono il pensiero, il ragionamento, il processo decisionale e la pianificazione.

I lobi frontali ti permettono di elaborare e pensare alle tue emozioni. Puoi quindi gestire queste emozioni e determinare una risposta logica. A differenza della risposta automatica dell’amigdala, la risposta alla paura dei tuoi lobi frontali è controllata coscientemente da te.

Quando percepite la presenza di un pericolo, la vostra amigdala vuole attivare automaticamente la risposta di lotta o fuga immediatamente. Tuttavia, allo stesso tempo, i tuoi lobi frontali stanno elaborando le informazioni per determinare se il pericolo è davvero presente e la risposta più logica ad esso.

Quando la minaccia è lieve o moderata, i lobi frontali prevalgono sull’amigdala, e tu rispondi nel modo più razionale e appropriato. Tuttavia, quando la minaccia è forte, l’amigdala agisce rapidamente. Può sopraffare i lobi frontali, innescando automaticamente la risposta di lotta o fuga.

La risposta di lotta o fuga era appropriata per i primi esseri umani a causa delle minacce di danno fisico. Oggi, ci sono molte meno minacce fisiche, ma ci sono molte minacce psicologiche causate dalle pressioni e dallo stress della vita moderna.

Quando lo stress fa sentire una forte rabbia, aggressività o paura, si attiva la risposta di lotta o fuga. Spesso risulta in una reazione eccessiva improvvisa, illogica e irrazionale alla situazione. Uno psicologo di nome Daniel Goleman ha chiamato questa reazione eccessiva allo stress “dirottamento dell’amigdala” nel suo libro del 1995, “Intelligenza emotiva: Why It Can Matter More Than IQ.”

Si verifica quando una situazione fa sì che la tua amigdala dirotti il controllo della tua risposta allo stress. L’amigdala disattiva i lobi frontali e attiva la risposta di lotta o fuga.

Senza i lobi frontali, non puoi pensare chiaramente, prendere decisioni razionali o controllare le tue risposte. Il controllo è stato “dirottato” dall’amigdala.

Goleman ha anche reso popolare il concetto di intelligenza emotiva (EI) e il suo uso per aiutare a gestire le vostre emozioni e guidare il vostro comportamento e pensiero. L’EI si riferisce al riconoscere, comprendere e gestire le emozioni e al riconoscere, comprendere e influenzare quelle delle altre persone.

Puoi migliorare la tua EI con la pratica regolare di controllare le tue emozioni e rimanere calmo quando ti sopraffanno. Per fare questo, devi prima essere consapevole delle tue emozioni e dei sentimenti degli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.