Site Overlay

Imparare a ridere di nuovo

Foto di Kim Carpenter su Unsplash

Hai mai provato a ridere sinceramente ad alta voce ma hai notato che il tuo cuore è congelato, la mascella tesa e la faccia strana?

A volte non ci rendiamo conto di essere anime tristi finché non viviamo un momento di vittoria. Improvvisamente ci accorgiamo di non avere una vera espressione di felicità. Vediamo che la nostra reazione è diventata insensibile ai momenti positivi o felici di trionfo.

Mi sono trovato in questa situazione alcune volte.

La vita può essere così impegnativa, severa e ingiusta che ottenere una vittoria diventa il momento in cui ti rendi conto che non sei stato felice per molto tempo. Quando alla fine succede, ti accorgi che hai zero reazioni e non sai come festeggiare o sentire il trionfo della tua vittoria. Invece, finisci per pensare troppo a tutto. La tua mente si riempie di ‘What Ifs’. I tuoi pensieri si concentrano invece sulle difficoltà che hai affrontato cercando di arrivare dal punto A al punto B. Spesso ci soffochiamo con le preoccupazioni invece di celebrare la nostra vittoria in quel momento.

Oltre a lasciare che le cose affondino, diciamo per un paio di giorni, alcune persone dopo una vittoria finiscono per preoccuparsi di come proteggere il successo invece di festeggiare. Altri si preoccupano di quanto sia surreale e insolita una vittoria o di quanto siano immeritevoli di questa vittoria.

Ho notato che ogni volta che ho sperimentato una vittoria, il mio pensiero è spesso occupato da pensieri protettivi e preoccupanti. Non avendo spazio per godermi il mio momento vittorioso, la mia mente si riempie di sentimenti negativi.

Un buon esempio è stato quando il mio canale Youtube ha raggiunto i 20 mila seguaci, invece di festeggiare, ho iniziato ad andare nel panico e a preoccuparmi di essere in grado di mantenerlo alto, di essere all’altezza delle aspettative e di mantenere i miei seguaci felici. Mi preoccupavo di produrre costantemente buoni contenuti con un solo commento negativo su centinaia di quelli positivi che mi sondavano a fianco.

Quando la lana finalmente cade

Mi ci è voluto un po’ per imparare che un mostro interiore ha tenuto le mie mascelle così rigide, le mie labbra sigillate, e la mia testa così dritta che ho dimenticato come gettare la testa indietro, tirare la mascella e mostrare i denti per qualche secondo di piacere chiamato risata.

Questo mostro interiore che non conoscevo stava lentamente consumando la mia anima mentre lavoravo più duramente nella vita. Un sentimento costruito da ogni piccola delusione, ogni piccolo rifiuto, ogni parola schifosa lanciata con noncuranza da un estraneo, e ogni volta che le cose non andavano a modo mio.

Vorrei anche chiarire che non sono depresso – beh non credo di esserlo. Sono felice della mia vita, e sono grata per la mia notevole esperienza con un marito e due figli. Tuttavia, quando i piccoli fallimenti, la delusione e la mancanza di speranza continuano ad accumularsi, sono destinati a diventare un mostro, e questa è una cosa che credo accada alla maggior parte di noi.

Come persona allegra e felice che spesso pensa al lato positivo delle cose più che a quello negativo, ho deciso di non prendere la vita troppo sul serio o di misurare il duro lavoro con il fallimento o i viaggi che ho fatto per arrivarci. Ho scelto di festeggiare al momento, bere un bicchiere di vino e ridere ad alta voce quando ottengo una piccola vittoria.

Impara a ridere di nuovo come se fosse la tua ultima risata

Vorrei che tu imparassi a ridere di nuovo nonostante la guerra in corso, sinceramente. Ridere un po’ più spesso ogni giorno. Ho deciso di non lasciarlo fino a quando non avrò ottenuto una grande vittoria o raggiunto un obiettivo specifico, perché se non lo faccio, potrei dimenticare come ridere ad alta voce quando alla fine arriverà il momento giusto.

Stiamo tutti lavorando duramente nei nostri rispettivi viaggi di vita. Qualunque cosa facciate, assicuratevi di prendere una pillola per rilassarvi una volta ogni tanto, fate cose che vi faranno non solo sorridere di tanto in tanto, ma anche ridere così forte in modo spensierato. Ricordate, la vita non è così difficile come la facciamo noi. Astenersi dal pensare troppo.

Fare cose che ti fanno venire il mal di pancia quando ridi è uno dei modi migliori per affrontare la vita – onestamente.

Dicono che la tua infanzia è uno dei momenti migliori che ricorderai. Ha qualcosa a che fare con il modo in cui si rideva ad alta voce senza preoccupazioni di denaro, amore e obiettivi di vita da raggiungere?

Io sto imparando a ridere di nuovo in modo appropriato come facevo mentre crescevo. Ho deciso di imparare a ridere di nuovo come un bambino senza preoccupazioni, senza sensi di colpa e senza “what-ifs”. Ho anche capito una cosa. Mi sento molto meglio dopo una bella risata. Mi sento rinfrescato, energico, rilassato e in una posizione migliore per affrontare i miei demoni. Una piccola risata genuina e spensierata non c’è dubbio che vada molto lontano. Possiamo tutti farne un obiettivo di vita?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.