Site Overlay

Perché il mio cane non viene quando viene chiamato?

  • Indurre il vostro cane a venire in modo affidabile quando viene chiamato è noto come richiamo, ed è importante per tutti i proprietari di cani.
  • Alcuni motivi per cui i cani non vengono quando vengono chiamati includono distrazione, confusione o paura.
  • L’addestramento graduale e la positività sono modi per aiutare a costruire un richiamo affidabile in modo che il cane venga quando viene chiamato.

Ci sono poche cose più frustranti per i proprietari che chiamare il cane ed essere ignorati. Alcuni cuccioli ascoltano perfettamente in casa, ma farli uscire dal parco per cani? Scordatelo.

Perché i cani non vengono quando vengono chiamati

Come i bambini, i cani si distraggono facilmente, e hanno bisogno di imparare le cose in una varietà di ambienti, con vari livelli di distrazione, per poterle davvero assimilare. Questo si chiama “proofing”.

Se il vostro cane non viene quando lo chiamate, potrebbe non aver generalizzato il comando a tutti gli ambienti. Il tuo cane potrebbe davvero pensare che, quando sei seduto sul divano e dici “vieni”, significa venire da te, ma solo in salotto.

Quando addestri il tuo cane a un nuovo comando o segnale, inizia nell’ambiente che distrae meno possibile e passa gradualmente a luoghi più emozionanti, come il parco. Per esempio, se state insegnando al vostro cane a “venire”, iniziate in una stanza della vostra casa. Ora, spostati in un’altra stanza. Poi, il cortile. Poi, il cortile anteriore. Poi, il parco in fondo alla strada. Vedi dove vogliamo arrivare? Il tuo cane dovrebbe essere in grado di venire quando viene chiamato almeno otto o nove volte su dieci in ogni ambiente prima di passare a un altro ambiente. Un altro modo per esercitarsi a casa è fare un gioco di allenamento.

Smooth Fox Terrier in un campo

Smooth Fox Terrier in un campo

Il tuo cane non vuole mettersi nei guai

Un altro motivo per cui il tuo cane potrebbe non ascoltare è perché in passato si è messo nei guai quando è venuto da te. Forse sono scappati per inseguire uno scoiattolo, o forse erano solo occupati ad annusare l’angolo del cortile, ma se usi un tono frustrato o arrabbiato, il tuo cane assocerà il venire da te all’essere nei guai.

Non importa quanto tu sia arrabbiato con il tuo cane, fingi. Usate una voce alta e felice e premiatelo quando viene da voi. Questo renderà il vostro cucciolo più propenso a venire la prossima volta che lo chiamerete.

Suggerimento: se avete usato “vieni” con un tono arrabbiato in passato, scegliete una parola diversa e ricominciate da capo per dargli un’associazione positiva con il venire quando viene chiamato.

Il vostro cane non pensa che ne valga la pena

Perché mai il vostro cane dovrebbe voler tornare da voi quando al parco c’è un cane super eccitante con cui giocare? O uno scoiattolo a cui abbaiare? Devi renderti più interessante di qualsiasi altra cosa ci sia là fuori.

Questo significa che dovrai scoprire cosa il tuo cane ama sopra ogni cosa. Per molti cani, potrebbe essere un trattamento di alto valore. Per altri, potrebbe significare tirare un giocattolo. Qualunque cosa piaccia al tuo cane, dagliene un sacco quando viene da te. Per esempio, prova a usare gli hot dog o un giocattolo speciale solo come premio per venire quando ti chiama. Quando il tuo cucciolo obbedisce al comando, fai una festa e ricoprilo di dolcetti!

Il tuo cane pensa che il divertimento stia per finire

Certo, ci sono momenti in cui devi tornare a casa dal parco per cani o rientrare, quindi il tuo cane non ha scelta. Tuttavia, se dire al vostro cucciolo di “venire” significa sempre che il divertimento finisce, è meno probabile che voglia farlo.

Un modo semplice per evitare questo è chiamare il vostro cane, premiarlo e poi lasciarlo andare di nuovo. Il principio di Premack è una teoria sviluppata dallo psicologo David Premack che afferma che i comportamenti ad alta probabilità rinforzeranno quelli a bassa probabilità. Il tuo cane imparerà che se viene da te, riceverà una ricompensa di alto valore e poi potrà tornare a fare quello che preferirebbe fare comunque. È una vittoria per loro ascoltare ed eseguire il comportamento a bassa probabilità, che è quello di venire quando viene chiamato. Con il tempo, il cane potrebbe anche iniziare a controllarti da solo, nel caso in cui ci sia una ricompensa in attesa.

Suggerimento: se decidi di fare questo, inventa un comando di rilascio come “ok” o “vai”, in modo che il cane sappia che è libero di andare di nuovo.

Quando smettere di usare i premi

Quando inizi a insegnare qualcosa di nuovo al tuo cane, dovresti essere un “distributore automatico”. Ogni volta che fa quello che gli chiedete, riceve una ricompensa. Con il tempo, puoi trasformarti in una “slot machine”, nel senso che il tuo cane viene premiato a caso per aver eseguito il comportamento. Va bene iniziare a premiare a caso una volta che il cane ha imparato ad ascoltare ogni singola volta che dai il comando.

Altri suggerimenti per insegnare al cane a venire quando viene chiamato

  • Quando si insegna al cane a venire, dire il suo nome una volta e il comando una volta (“Fido, vieni!”). Non continuate a ripetere il suo nome o “vieni”, perché il vostro cucciolo potrebbe stonare e il comando potrebbe perdere di significato.
  • Iniziate usando un guinzaglio di due metri e poi passate al guinzaglio lungo per renderlo più impegnativo. Questo ti permette anche di dare al tuo cane più libertà in modo sicuro. Se il tuo cane ti ignora, non tirarlo dentro con il guinzaglio. Invece, usalo per avvicinarti finché il tuo cane non viene da te. Volete che sia una sua scelta venire quando viene chiamato, non qualcosa che lo costringete a fare.

In ultimo, ma non meno importante, nessun cane è perfetto. Non lasciate mai il vostro cane senza guinzaglio in una zona dove potrebbe essere investito da un’auto, perdersi nel bosco o finire in qualche altro tipo di problema.

Siate prudenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.