Site Overlay

Salute naturale con Sean McCarthy: Sindrome della bocca che brucia e vitiligine

La carenza di vitamine e il reflusso acido possono essere un fattore che contribuisce, così come le infezioni da lievito o può essere idiopatica (nessuna causa nota).

Trattare la condizione con un integratore di vitamina B complesso può avere un risultato positivo. La vitamina B12 (cobalamina) è disponibile nel formaggio, nelle uova, nel latte e nello yogurt e la vitamina B9 (acido folico) – disponibile nelle verdure a foglia verde scura, gli spinaci sono tra le più alte in concentrazione – sono le vitamine cruciali.

Sebbene sia preferibile cercare di ottenere le vitamine da una fonte alimentare, un buon integratore può essere più adatto a chi lavora molto.

Poiché il nostro corpo non ha bisogno di enormi quantità di entrambe le vitamine, 20mcg al giorno di B12 sono sufficienti mentre 300mcg di B9 al giorno andranno bene.

Come erborista olistico, guarderei anche ai rimedi naturali e, per quanto possa sembrare folle, il pepe di cayenna in piccole quantità sorseggiato nel succo può aiutare a portare sollievo. Si può anche fare il proprio colluttorio antibatterico facendo bollire un mazzetto decente di salvia fresca (secca va bene se non è disponibile quella fresca) o di timo in acqua calda a fuoco lento finché non si riduce della metà.

Lasciare raffreddare e fare gargarismi con l’acqua calda quanto la vostra bocca può sopportare tre o quattro volte al giorno (questo sarebbe adatto anche per il mal di gola).

Inoltre potete lasciare sciogliere in bocca mezzo cucchiaino di miele di buona qualità. Meno lavorato è il miele, meglio è.

Il bicarbonato di sodio è alcalinizzante per la bocca. Aggiungi un quarto di cucchiaino di bicarbonato di sodio a 175 ml di acqua e sorseggialo. Assicurati di farlo scorrere intorno alla bocca e di fare più contatto possibile con tutte le aree della bocca prima di deglutire.

L’aceto di sidro di mele, due cucchiai in due cucchiai d’acqua, può essere usato allo stesso modo del bicarbonato di sodio ed è anche alcalinizzante per la bocca e il corpo.

Ho la vitiligine che è iniziata alcuni anni fa sotto entrambe le braccia. Quest’anno la vitiligine si è estesa alla parte anteriore del mio petto e al dorso delle mie mani. Il mio medico di base mi ha mandato da un dermatologo che mi ha prescritto creme steroidee per un periodo prolungato. Sono preoccupato per l’uso a lungo termine di creme steroidee e vi sarei grato se poteste suggerirmi un’alternativa.

La vitiligine (leucoderma) è una condizione della pelle angosciante per chi ne soffre ed è caratterizzata dalla perdita, graduale o rapida, di melanociti, le cellule responsabili della produzione del pigmento melanina nella pelle che può risultare in macchie bianche irregolari.

Le cause esatte della condizione non sono note.

Uno studio recente ha dimostrato che l’80% dei malati di vitiligine soffre di carenza di vitamina B, in particolare di vitamina B9 e B12. La supplementazione da tre a sei mesi ha avuto successo nella maggior parte dei casi, ma queste vitamine possono anche essere ottenute dal cibo.

La B12 può essere inclusa nella vostra dieta consumando fegato, latte, formaggio, manzo, pollo, montone, maiale, pesce, prosciutto, uova intere e yogurt. La B9 può essere incorporata consumando estratto di lievito, fegato, erbe secche e semi di girasole.

Puoi anche fare il tuo cataplasma con foglie di basilico fresco e succo di lime fresco. Il succo di lime è noto per promuovere la produzione di melanina.

Evitare caffè, tè e alcol che possono avere un effetto dannoso sulla condizione.

Sean McCarthy è un erborista olistico e un membro del Registro Internazionale dei Consulenti Erboristi e Omeopati. Contatto: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.