Site Overlay

Semplici consigli per parlare con gli sconosciuti ad una festa

Ti sei mai sentito solo ad una festa?

Sei mai stato ad una festa solo perché non volevi essere quello strano?

Immagino di non essere l’unico che si è trovato in questi scenari e li ha trovati snervanti. Molte persone non si sentono a proprio agio nel cercare di parlare e fare amicizia con qualcun altro in una stanza piena di persone totalmente sconosciute. Per aiutarvi con le idee per iniziare una conversazione, ecco alcuni consigli efficaci che potete usare quando parlate con degli sconosciuti a una festa.

Foto di Jens Johnsson su Unsplash

È difficile non sentirsi timidi quando si è soli a una festa. Ma più ti senti in imbarazzo, più hai paura. Aiuta a ricordare che “non importa a nessuno, quindi fai quello che vuoi”. In altre parole, smettila di preoccuparti così tanto degli altri e divertiti. Come ci si può divertire pur essendo timidi? Basta accendere la modalità “non mi interessa” e godersi la festa.

Prendi confidenza con l’approccio con gli sconosciuti

Capisco perfettamente quanto sia spaventoso fare una chiacchierata con degli sconosciuti a caso. Ma può essere esaltante e aprire le porte a opportunità che altrimenti non ci sarebbero. È importante che non siate soli per strada a mezzanotte. Una conversazione con qualcuno che non conosci in un luogo affollato non ti causerebbe alcun danno (a patto che tu non gli dia informazioni critiche).

Ecco alcuni consigli per parlare con persone a caso:

  • Domande, domande e domande. Il modo migliore per far parlare la gente è usare le domande. Con gli sconosciuti, si può andare con alcune domande senza cervello come il luogo di provenienza o quanto amano la loro città natale. La regola generale è quella di evitare domande su argomenti delicati. Dopo tutto, stiamo parlando con degli sconosciuti. Sarebbe meglio usare domande aperte a cui non si può rispondere con un semplice “sì” o “no”. Se si può rispondere con un facile “sì” o “no”, assicurarsi che permetta un follow-up. O piuttosto che chiedere semplicemente a qualcuno da dove viene, fatevi dire cosa amano della loro città natale.

“Le persone che fanno domande decidono la qualità della loro conversazione.” – Vikrant Dutta

  • Complimenti: una volta che fai un complimento a qualcuno, spesso ti farà un complimento a sua volta, e questo fa partire una conversazione. Potrai anche chiedere qualcosa dopo il complimento. “Begli orecchini. Dove li hai presi?”. La mia opinione è che se non puoi fare un complimento sincero, è ancora meglio non fare alcun complimento.
  • Parlare di argomenti popolari: La gente ama mangiare e bere. Se la persona con cui volete iniziare una conversazione comprende un bel drink o un hamburger dall’aspetto delizioso, indagate su quanto sia delizioso (o non delizioso) l’hamburger. In alternativa, chiedi che bevanda lui o lei sta bevendo. Quando la persona risponde, segui con domande come “Quanto ti piace effettivamente?”. Anche una domanda a risposta chiusa come “Posso offrirtene un altro?” va bene. Poi, puoi presentarti a loro. Questo funziona meglio con un sorriso amichevole.

Lascia che il tuo interlocutore risponda

Una buona conversazione dovrebbe essere un’esperienza di dare e ricevere. Non divagare all’infinito. Condividi i tuoi sentimenti o le tue idee, poi permetti all’altra persona di intervenire. Siamo ad una festa, non in una conferenza dove solo una persona parla per la maggior parte del tempo. Se il tuo interlocutore non ha detto nulla per un bel po’, chiedi loro un argomento o sollecita la loro opinione per fargli sapere che sei affascinato da ciò di cui parlano.

Essere un buon ascoltatore è una delle qualità più attraenti che qualcuno possa avere – e ti garantirà di essere un ospite super-popolare alla festa.

Avviare conversazioni con i gruppi

Quando sei arrivato all’evento, o sei abbastanza fortunato da essere accolto da alcuni amici alla porta, o non c’è nessuno e devi farti strada nella zona più chiacchierona. Se non hai questo tipo di fortuna, punta a cercare un piccolo gruppo. Un gruppo di 4-7 persone sarebbe il migliore. In un grande gruppo, potresti non avere la possibilità di parlare (a meno che tu non interrompa qualcun altro).

Perché dovrei puntare su gruppi (piccoli) invece che su individui? I gruppi sono meglio dei singoli perché farai domande a cui più persone possono rispondere. Non abbiate paura di provare a parlare con un gruppo che sembra che tutti si conoscano molto bene. Se sei interessato e contribuisci alla discussione, sarà spesso piacevole parlare con te. Se il gruppo sembra abbastanza amichevole e aperto, tutto quello che devi fare è andare da loro e presentarti. La migliore domanda da fare è “Come vi conoscete tutti?”. Funziona come una specie di fascino ogni volta. Se non si conoscono tutti, puoi anche rompere il ghiaccio e chiedere i loro nomi.

O se hai sentito il gruppo parlare di qualcosa che ti affascina, puoi tranquillamente avvicinarti al gruppo, ascoltare per un po’, poi dire la tua opinione durante una pausa appropriata.

Tuttavia, se sono più chiusi ed esclusivi, forse perché si stanno aggiornando su qualche sviluppo della vita di un loro amico comune. In questo caso, basta spostarsi in un altro gruppo e non prenderla sul personale.

Trova persone che hanno la stessa emozione

Quando si arriva, è facile prendere un drink, tenersi lontani dalla folla, e tornare subito all’angolo, dove ci si sente al sicuro. Ma puoi essere sorpreso da come le persone rispondono quando invece sei aperto sulla tua vulnerabilità.

Se vedi qualcuno da solo in un angolo a fissare il suo telefono, potrebbe voler socializzare ma non sapere bene come. Avvicinati a loro e fai qualche domanda per far partire la conversazione. Per esempio, puoi dire: “Festa divertente, vero?” o “Ciao! Conosci qualcuno qui?” Da lì, la conversazione progredisce naturalmente. Questo ha reso più facile anche mescolarsi con altre persone, perché lo abbiamo fatto insieme.

In ogni caso, sarebbe più facile avvicinarsi a una persona estroversa. Se riesci a trovare l’anima della festa, saranno abbastanza felici di parlare con te e presentarti ad altre persone.

Andare da soli ad una festa o ad un evento sembra intimidatorio, ma non deve esserlo. Preparati con alcuni metodi per chiacchierare con persone a caso e andrà tutto bene. Una volta trovata una sola persona con cui parlare, l’intera situazione diventa più facile. Dopo quella volta, potresti anche non pensare più a quanto ti sentivi in imbarazzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.